Intervista con Michael Oswald, artista digitale di fama mondiale

Negli ultimi giorni, ho avuto modo di scambiare qualche email con un artista digitale come ce ne sono pochi. Michael Oswald infatti riesce a trasformare fotografie in vere opere a metà tra grafica, illustrazione, disegno e arte. In questa intervista potrai conoscere la sua storia, come ha iniziato e apprendere alcuni spunti e consigli da chi ha fatto di un dono un lavoro.
Puoi trovare le opere di Michael Oswald sul suo profilo di DeviantART o direttamente sul suo sito personale.

Prima di tutto, grazie per aver accettato di partecipare a questa intervista. Cominciamo con una tua piccola presentazione.

Io vivo in California centrale dove sono nato e cresciuto. Ho sempre pensato che essere un artista sarebbe stata una grande carriera ma non ho mai pensato che sarebbe effettivamente accaduto. Per fortuna, con il boom di Internet, sono in grado di vivere in questa piccola città e lavorare per clienti di tutto il mondo. La mia tecnica è meglio descritta come “foto-manipolazione” con un tocco di pittura digitale e alcuni miei trucchi unici. L’arte digitale è la mia carriera e oltre al lavoro personale che vedete qui, io attualmente lavoro come freelance progettando copertine di libri per titoli dedicati a giovani lettori e manifesti di film di Bollywood in India.

He chose me

So che il tuo strumento preferito è Photoshop, ma vorrei sapere quando hai fatto il primo passo nell’arte digitale con Photoshop e come è stato il passaggio dalla carta alla pittura digitale?

Quando ho iniziato il liceo nel ’96, il computer non aveva ancora preso piede nel mondo del design come una tempesta, così tutti i corsi che avevo erano di mezzi artistici tradizionali. Nel mio primo anno ho preso un corso in AutoCAD per il disegno meccanico, che ho trovato noioso…così mi sedevo in fondo alla classe a giocare in Photoshop e 3D max. In quel momento mi sono innamorato delle arti digitali. Alla fine ho ‘ottenuto’ una versione di Photoshop a casa e ho trascorso ore davanti al computer da allora.

Timeless Beauty

Può farci un esempio di come le tue conoscenze artistiche di disegno e pittura ti hanno aiutato con Photoshop?

Io non vedo una differenza nei requisiti per un artista tradizionale o digitale. Io credo che il 50% di abilità nell’arte è un dono naturale. Un altro 50% si sviluppa con pratica, pratica, pratica. Pennelli e computer sono solo strumenti. Le regole standard di arte, come la composizione, si applicano sempre e il mezzo è solo una scelta personale. Quindi, tutto quello che ho imparato a lezioni di arte di base vale ancora oggi.

Ho notato che i colori sono un fattore molto importante della tua arte, quali sono le tue fonti di ispirazione per le combinazioni di colori?

La colorazione è uno dei miei punti più deboli in fatto di competenze. Che è in genere motivo per cui io uso combinazioni di colori monocromatici e non richiedono un sacco di miscelazione. Fortunatamente però, ci sono momenti in cui i colori della fotografia originale sono vibranti abbastanza per essere utilizzati nel pezzo finale e tutto quello che devo fare è aumentarli. Quindi direi che la più grande fonte di ispirazione per i colori che scelgo proviene dalla fotocamera.

Di solito pianifichi il tuo lavoro o prendi ispirazione solo dall’immagine su cui stai andando a lavorare? Voglio dire, hai già un’idea prima di aprire Photoshop o ti lanci a lavorare sull’immagine lasciandoti ispirare da essa?

Quando ho iniziato a sviluppare il mio stile ho usato foto professionali di altri fotografi di riferimento. Sul momento ho semplicemente scelto le immagini che mi ispiravano, ma dato che la mia tecnica consiste semplicemente nel dipingere sopra una foto, mi sono imbattuto in problemi di copyright quindi ho dovuto abbandonare questo metodo e cominciare ad utilizzare le mie foto. Credo che la mia abilità nel campo della fotografia deve ancora essere raffinata, ma stranamente, una foto di scarsa qualità rende il passaggio più interessante in un pezzo d’arte. Oggi comincio con un concetto prima di scegliere un modello. Dal momento che il mio lavoro di solito è focalizzato sui concetti forti, ritengo questo passo molto importante. Le idee possono venire da me in qualsiasi momento e l’unica cosa che devo fare è ricordarmi di scriverle.

Puoi descrivere in pochi passi in cosa consiste il processo del tuo lavoro? (Dall’idea, attraverso la presa del quadro, a Photoshop)

Comincio con un’idea in testa. Poi scelgo un modello che meglio si adatta all’aspetto di cui ho bisogno (i tratti del viso, il tono della pelle, colore dei capelli, ecc …). Allora prendo circa 50 a 100 foto del modello, cambiando leggermente l’illuminazione o posa finché non mi sento di aver ottenuto il risultato. Poi scelgo una foto da utilizzare o, talvolta, due o tre che possono essere unite. Lo sfondo è sempre sostituito in Photoshop con qualcosa di più adatto per il tema. Da lì faccio un certo numero variazione di colori e di rettifiche di valore per rendere l’immagine più artistici e meno fotografica. Infine, l’immagine viene aerografata, macchiata e sfocata per simulare il look di dipinto.

Pura curiosità: qual’è stato il lavoro più difficile e più lungo (in termini di tempo) che hai mai fatto?

Pur essendo passati 4 anni, devo ancora dire che “Destiny” è stato il lavoro che mi ha richiesto più tempo. Soprattutto perché il guardaroba era digitale creato da zero e l’illuminazione era completamente cambiata. Ci sono volute molte ore per 5 giorni. Oggi cerco di avere l’illuminazione giusta nelle foto e chiedere i modelli di portare l’abbigliamento giusto per evitare questi problemi in più. Se tutto va bene con le foto, il lavoro di Photoshop mi dovrebbe prendere due o tre giorni.

Destiny

E che è quello che pensi sia il migliore che hai mai fatto?

E’ difficile da dire, ma penso che dovrei dare credito alla mia immagine originale “AmalgaMATE” per iniziare quella serie di immagini, che sembrano essere le più popolari. Però sono titubante a dirlo, perché non ero il fotografo della foto originale. Quindi penso che sono più soddisfatto con “Under My Skin” che è il mio concetto preferito e tutto il lavoro è mio, dall’inizio alla fine.

AmalgaMATE 3

Hai mai pensato di insegnare la tua arte tramite dei tutorial? Potrebbe essere molto interessante seguire alcuni tuoi video.

Data la quantità di email ricevo su questo argomento, sono sicuro che un video tutorial sarebbe molto popolare e l’ho considerato. Sicuramente un giorno accadrà, ma nel frattempo, consiglio gli aspiranti artisti di fare quello che ho fatto io e giocare in Photoshop (o lo strumento che preferiscono) e sviluppare un proprio stile che li renda felici.

Se potessi dare un consiglio ai nostri lettori che vogliono iniziare una carriera come artista, quale sarebbe?

Oltre a competenze ed esperienza arte naturale con mezzi tradizionali, c’è un altro componente che mi ha aiutato a sviluppare la mia carriera come artista, e che è stata la concorrenza. Quando ero all’inizio della mia carriera guardavo il lavoro di altri artisti e mi arrabbiavo con me stesso chiedendomi perché non ero in grado di creare opere d’arte come loro. Ho usato la rabbia come un combustibile per aiutarmi a superare le frustrazioni che vengono con la creazione di arte e per aiutarmi ad acquisire le capacità al livello che desideravo.Una sana dose di concorrenza è altamente raccomandata da me.

Hex

fold-left fold-right
L'autore
Appassionato di web, grafica e nuove tecnologie, realizzo siti web, grafiche online ed offline e formazione in ambito grafica e web. Puoi seguirmi su Twitter o visitare il mio portfolio e contattarmi per una consulenza.