Intervista con il blogger 1/3

Intervista con il blogger 1/3

Inizio oggi una serie di interviste fatte a diversi blogger italiani che militano nel campo del web design e del web 2.0. Ho pensato di proporre loro contemporaneamente le stesse domande in modo da poterle mettere a confronto una con l’altra. L’idea è di capire quali sono le motivazioni, cosa spinge ad iniziare un progetto personale del genere, quali credenze ci sono dietro e quali passioni. Spero che il tutto possa essere di incoraggiamento per tutti quelli che vorrebbero iniziare un progetto di questo genere.

Alla mia mail con le domande hanno risposto Francesco Gavello, Giuliano AmbrosioIlaria Giannattasio, Laura GargiuloPiervincenzo Madeo e Tommaso Baldovino. Ho pensato di dividere le loro risposte in 3 articoli differenti, in modo da creare 3 interviste doppie. Inizio oggi dando priorità alle femminucce 🙂

Eccovi quindi l’intervista doppia ad Ilaria Giannattasio di IlariaLab e Laura Gargiulo di ItalianWebDesign.

Per iniziare, da quanto tempo gestisci un tuo blog personale?

Ilaria: Gestisco IlaRia Lab dal 4 Novembre 2007

Laura: Il mio personale credo dal 2001, ma Italianwebdesign dal 17/8/2007

Rispetto a quando hai iniziato, quanto sono cambiati i temi trattati nel tuo blog e il tuo modo di scrivere? Com’è evoluto il tuo blog, o dovrei dire come ti sei evoluto?

Ilaria: Il mio blog è in continua evoluzione come lo sono anche io… sì i temi trattati sono cambiati parecchio… all’inizio trattavo soltanto software per Windows e Grafica, poi… da brava “switcher” mi sono spostata sul mondo Mac e più orientata verso il web 2.0… più che cambiati diciamo che gli argomenti sono aumentati, parlo un po’ di tutto quello che riguarda la tecnologia, di quello che mi affascina e mi salta per la testa…
Mi sono evoluta? certamente sì! l’ho fatto prendendo spunto da “quelli che c’erano prima di me” ho fatto un “mix di stili” e ho trovato il mio.
C’è sempre da imparare… io sto ancora imparando.

Laura: I temi sono sempre gli stessi: tutti volti ad aiutare chi vuole diventare webdesigner e non sa come fare. Che si tratti di corsi, di come aprire la partita iva, annunci di lavoro e articoli didattici o di segnalazioni di chicche dal web.
Proprio in questi giorni la linea editoriale del mio blog si è modificata. Uno o due articoli di qualità a settimana, scritti di mio pugno o dagli autori che lo frequentano, e la possibilità invece di scoprire nuove chicche ed eventi tramite i canali rss ad essi dedicati (Delicious, Twitter, etc)

Cosa fai per gestire la tua immagine e ciò che i tuoi lettori pensano di te?

Ilaria: Haha! mah… assolutamente nulla! la domanda doveva essere formulata diversamente: “Cosa fai per distruggere la tua immagine?!” scherzo. No Beh dai cerco di essere me stessa, tutto qui.

Laura: Semplicemente mi comporto con correttezza, secondo netiquette e cercando di non mancare mai di umiltà, anche quando verrebbe voglia di sfasciare il computer per certe risposte 🙂

Nella tua carriera di blogger, cosa ha fatto veramente la differenza per raggiungere i risultati che hai oggi?

Ilaria: Cosa ha fatto la differenza… beh sicuramente la passione che ci metto, la costanza… l’impegno… poi diciamocelo… la differenza la fa anche il fatto di esser donna con interessi generalmente appartenenti alla sfera maschile come l’informatica… aiuta sì… ma non è tutto. Credo di differenziarmi anche per originalità dei contenuti… visto che ormai all’interno della Blogosfera italiana è tutto un copy copy e niente fonti…. brutta cosa.

Laura: Non smettere mai di imparare, conoscere e curiosare. Conoscere altri blogger e navigare i loro blog, imparando da loro e cogliendo i loro trucchi.

Quali sono i motivi che ti hanno spinto ad iniziare e che ti muovono a continuare?

Ilaria: I motivi che mi hanno spinta ad iniziare… sempre la passione per l’informatica e la voglia di condivisione… e continuano a muovermi sempre gli stessi motivi.

Laura: Il motivo iniziale era di poter essere di aiuto a qualcuno, e con il tempo la responsabilità è diventata grande. Me ne rendo conto quando mi scrivono persone che sono disorientate, non sanno se il webdesigner è il lavoro che fa per loro (e magari fanno siti fichissimi e validati) e semplicemente gli manca qualcuno (come me) che li sproni. E poi quando mi ringraziano!! Non sai che gioia!! Questo è il mio secondo lavoro 🙂

Che sogni hai per il futuro, oltre a vedere morto IE6? XD

Ilaria: Veder sparire anche tutte le altre versioni di Explorer, Windows compreso e veder regnare Jobs… Think Different! XD

Laura: Aahah sarebbe fantastico! Riguardo il blog, poter continuare così. Riguardo il lavoro di webdesigner, altrettanto. Per il lavoro da insegnante: che istituiscano una facoltà tutta dedicata al webdesign. Infine, per me…un/a bimbo/a 🙂